Home > La Rete Idrica > Gli Acquedotti

Gli Acquedotti stampa

Acquedotto del Giardino

L’acquedotto Giardino costituisce il complesso più importante del sistema acquedottistico abruzzese per portata e caratteristiche tecniche; approvvigiona tutti gli abitati della Val Pescara tra cui Chieti e il Capoluogo adriatico, nonché il tratto di costa della Provincia di Pescara.
L’acquedotto ha una portata di regime pari a 1400 l/sec.
E’ alimentato dalle sorgenti del Giardino che scaturiscono da un ampio anfiteatro naturale posto ai piedi del Colle Marrociane a sud dell’abitato di Popoli.

L’acquedotto del Giardino rifornisce i seguenti centri abitati: Alanno, Bolognano, Bussi sul Tirino, Casalincontrada, Castiglione a Casauria, Cepagatti, Chieti, Città Sant’Angelo, Lettomanoppello, Manoppello, Montesilvano, Pescara, Pianella, Rosciano, San Giovanni Teatino, Scafa, Spoltore, tocco da Casauria, Torre dei Passeri, Torrevecchia Teatina, Turrivalignani.

Acquedotto del Tavo

L’acquedotto del Tavo, unitamente agli acquedotti del Giardino e del Foro, costituisce l’ossatura principale del sistema acquedottistico del comprensorio.
Tale acquedotto approvvigiona tutti i centri delle vallate del Tavo e Fino sino alle propaggini del Gran Sasso da un lato e sino al mare dall’altro.
L’acquedotto comprensoriale utilizza le sorgenti di Mortaio d’Angri e Vitella d’Oro site nel territorio di Farindola alle pendici del Gran Sasso e ha una portata di regime pari a 490 l/sec.

L’acquedotto del Tavo alimenta i seguenti centri: Arsita, Atri, Bisenti, Cappelle sul Tavo, Castiglione Messer Raimondo, Castilenti, Cepagatti, Città Sant’Angeli, Civitella Casanova, Collecorvino, Elice, Farindola, Loreto Aprutino, Montebello di Bertona, Montefino, Montesilvano, Moscufo, Penne, Pescara, Pianella, Picciano, Silvi, Spoltore, Vicoli.

Acquedotto della Val di Foro

L’acquedotto della Val di Foro costituisce l’altro grande sistema acquedottistico del comprensorio.
La captazione della sorgente è stata realizzata mediante una galleria lunga circa 1000 metri.
L’acquedotto ha una portata di regime pari a 430 l/sec.
Ad integrazione all’alimentazione dello schema idrico Val di Foro – Rocca di Ferro e, pertanto, al potenziamento delle esistenti strutture acquedottistiche a servizio dell’area Chieti – Francavilla – Pescara, è stato recentemente realizzato, nel Comune di Pretoro (CH) l’intervento di captazione integrale dei Monti della Majella; le opere e gli impianti realizzati consentono l’emungimento della falda basale di circa 150 l/sec.

L’acquedotto della Val di Foro è preposto all’alimentazione dei seguenti centri: Bucchianico, Chieti, Fara Filiorum Petri, Francavilla, Miglianico, Pescara, Ripa Teatina.

Acquedotto dal Subalveo Vomano

L’acquedotto della Subalveo Vomano costituisce un complesso fondamentale per l’alimentazione della fascia costiera tra Silvi e Martinsicuro (prov. Teramo).
Il complesso acquedottistico è costituito fondamentalmente da una serie di pozzi che prelevano l’acqua della sottocorrente del fiume Vomano, dalla centrale di sollevamento sita in località Scerne di Pineto e da due adduttrici.
L’acquedotto ha una portata di regime pari a 220 l/sec.
Lo stesso è preposto all’alimentazione dei seguenti centri: Città Sant’Angelo, Montesilvano, Silvi.

Acquedotto della Morgia

L’acquedotto della Morgia utilizza le sorgenti site nel comune di Abbateggio.
L’acquedotto ha una portata di regime pari a 73 l/sec.
Il complesso acquedottistico approvvigiona diversi comuni: Abbateggio, Alanno, Bolognano, Caramanico Terme, Catignano, Civitaquana, Cugnoli, Lettomanoppello, Nocciano, Roccamorice, San Valentino in A.C., Scafa.

Acquedotto della Nora

L’acquedotto della Nora utilizza le sorgenti Pietra Rossa site nell’alta valle del fiume Nora.
Il complesso approvvigiona diversi comuni dell’alto pescarese è ha una portata di regime pari a 15 l/sec.
I principali centri forniti sono: Brittoli, Civitaquana, Corsara, Cugnoli, Pescosansonesco, Pietranico, Vicoli.