Home > Laboratorio > Qualità Acqua

Qualità Acqua

La nostra società si vanta di distribuire ai suoi utenti acqua di altissima qualità, in gran parte proveniente da sorgenti posizionate all’interno di parchi, di aree protette o nelle loro vicinanze.

lamorgia

fondale

tavo

L’acqua distribuita dall’ACA già possiede delle ottime qualità; nonostante tutto essa deve essere controllata attraverso analisi chimiche e microbiologiche mediante accurati prelievi fatti presso sorgenti, pozzi, serbatoi e partitori, in modo da accertare l’eventuale presenza di elementi inquinanti, eseguiti tramite:

  • Prelievi e analisi interne realizzati con Laboratori riconosciuti certificati e dotati di controllo interno di qualità;
  • Prelievi e analisi attuati sistematicamente dall’Azienda Sanitaria Locale (ASL).

Ulteriori controlli vengono autonomamente effettuati dall’Azienda Sanitaria Locale sui recapiti finali (fontane pubbliche, sbocchi ed altro).I parametri, la metodica analitica e la frequenza delle analisi interne sono effettuati nel rispetto del decreto Legislativo 2 febbraio 2001 n. 31 in recepimento della Direttiva della Comunità Europea n. 98/83/CE relativa alla qualità delle acque destinate al consumo umano.

I parametri esaminati sono quelli previsti dalla Legge:analisi chimiche

  • organolettici colore, odore, sapore, ecc.
  • chimico-fisici (temperatura, pH, conducibilità elettrica, cloruri, solfati, calcio, ecc.) che dipendono essenzialmente dal terreno relativamente alla natura delle acque superficiali, sotterranee e naturali; variano, a seconda delle condizioni geologiche ed idrogeologiche locali, nei diversi periodi dell’anno (acque superficiali). Dipendono anche dai possibili apporti dovuti ad attività antropiche, e sono controllati tramite analisi chimiche.
  • sostanze indesiderate (ammoniaca, nitrati, nitriti, fosforo, tensioattivi, ferro, manganese, ecc.) ; la loro presenza è un indice di contaminazione organica e dell’uso indiscriminato di concimi e fertilizzanti o a carenze nelle reti di distribuzione, ad eccezione del ferro e del manganese la cui presenza può essere dovuta all’erosione delle rocce e dei minerali nelle acque sotterranee.
  • sostanze tossiche (arsenio, cadmio, cianuri, cromo, piombo, ecc.); la loro presenza si verifica principalmente in acque superficiali o di pozzo a contatto con le zone di grosso sviluppo industriale o agrotecnico.
  • microbiologici (carica batterica totale, coliformi totali, streptococchi fecali, ecc): sono le principali fonti di inquinamento delle acque sia per la presenza di vecchie reti fognarie in prossimità delle condotte idrico-potabili, sia per un indiscriminato pascolo nelle zone dove sono presenti acque superficiali. Tali parametri comunque vengono controllati con un’efficiente clorazione e pertantei limiti della norma.